I pneumatici 4 stagioni cosa sono? Sono più sicuri del doppio treno di gomme estive e invernali? Cerchiamo di sviscerare l’argomento analizzando questo genere di gomme che, già da diversi anni, si trovano sulla lista delle possibili opzioni quando dobbiamo acquistare nuove gomme.

È prassi comune rivolgersi a un’officina per fare il cambio gomme due volte all’anno.

Impegno che piò risultare anche abbastanza oneroso data la necessità di avere due treni di pneumatici, uno estivo e uno invernale, e pagarne anche il deposito.
Negli ultimi anni però hanno preso piede anche altri tipi di pneumatici chiamati 4 stagioni (chiamati anche 4 seasons in lingua inglese) che, utilizzabili tutto l’anno, garantiscono prestazioni nella media sia nei mesi estivi, sia in caso di guida sul bagnato.

Ma questi nuovi pneumatici sono la soluzione definitiva? Ovviamente NO. Al momento dell’acquisto dobbiamo sempre fare una scelta che vede da un alto la forte praticità e la spesa minore delle 4 stagioni e dall’altro la maggiore sicurezza del doppio treno di gomme, ma con una spesa più ingente.

Le gomme 4 stagioni sono morbide ed elastiche anche in caso di basse temperature e posseggono un battistrada fornito di molti canali di espulsione e lamelle per muoversi su neve, ghiaccio o pioggia senza difficoltà, ma nonostante questo le prestazioni non risultano ottimali quanto quelle delle gomme da neve.

I vantaggi

Come già accennato il più grande vantaggio delle gomme 4 stagioni riguarda proprio i costi di gestione. Un treno di gomme di questo tipo costa tra il 20 e il 30% in più di un treno invernale, ma non bisogna comprare anche un secondo treno estivo e inoltre non si dovrà ricorrere due volte all’anno a un’officina per la sostituzione delle gomme e per il deposito del treno inutilizzato.

Però è importante sapere che mentre le gomme invernali si possono cambiare 3 volte (hanno quindi una durata di 3 anni), le 4 seasons hanno una durata più limitata. Anche chi percorre pochi chilometri dovrà necessariamente cambiarle più di frequente perché le gomme tendono a “cristallizzarsi” e perdere le caratteristiche iniziali a prescindere dal loro utilizzo. Inoltre c’è da considerare che le gomme 4 stagioni consumano il battistrada più velocemente delle classiche gomme invernali o estive.

Gli svantaggi

pneumatici 4 stagioni ms snowflakes

Purtroppo lo svantaggio più rilevante è relativo alla sicurezza. Gli pneumatici 4 stagioni hanno prestazioni nella media in zone dove le temperature invernali sono stabili e relativamente alte.

Nell’eventualità che queste si abbassino fino ad arrivare ai 7 gradi o meno, sarebbe più indicato montare una dotazione invernale specifica.

Inoltre c’è da tenere in conto il rischio di incorrere in multe salate se si percorrono strade in cui vige l’obbligo di pneumatici invernali, ma è possibile aggirare il problema mantenendo a bordo delle catene invernali.
Gli pneumatici 4 stagioni permettono comunque di circolare anche sulle strade in cui, in particolari periodi dell’anno, è prevista la dotazione invernale.

Questo però avviene solamente se sullo pneumatico è stampato un codice che ne assicuri la conformità. La sigla che ne comprova l’idoneità è “M+S” (sa si può trovare anche come “MS”, “M&S” o “M-S”) che è l’acronimo di “Mud and Snow” ossia fango e neve. Inoltre si può trovare anche la dicitura “Snowflake”che è una maggiore garanzia di sicurezza in condizioni di neve.

Per quanto riguarda le prestazioni su fondi asciutti la resa è invece del tutto simile agli pneumatici estivi. L’unica differenza risulta essere una maggiore rumorosità e un consumo di carburante lievemente superiore.

Cosa scegliere?

Se si decide di montare gomme 4 stagioni sul proprio mezzo bisogna dunque fare diverse valutazioni prima dell’acquisto.
Innanzitutto è bene sapere che può esserci molta differenza tra gli pneumatici 4 stagioni prodotti da case diverse. Prima di ultimare l’acquisti è importante analizzare le caratteristiche dei diversi modelli per scegliere quelli che si adattano meglio al clima in cui viviamo e in cui la nostra automobile percorrerà un maggior numero di chilometri.

Altra importante valutazione è la valutazione della spesa. Anche i costi possono variare di parecchio, ma in questo caso ciò che modifica maggiormente il prezzo è la misura dello pneumatico e da lì non abbiamo molta scelta: sulla nostra vettura dobbiamo montare lo pneumatico della misura corretta quindi la scelta ricadrà forzatamente su quello.

C’è da dire che ormai tutte le case di produzione fanno le 4 seasons quindi anche a parità di caratteristiche si possono trovare prezzi differenti. Questo genere di prodotto ha infatti un’ampia gamma di prezzi che parte dai 40 euro e può arrivare fino ai 400 e oltre.

La differenza di prezzo è spesso giustificata dalla qualità dei materiali utilizzati e dalle prestazioni realizzate durante i test dove il prezzo più basso rappresenta ovviamente un prodotto di qualità inferiore. Da montare su un’auto con cerchi nella media, noi consigliamo pneumatici con un costo intorno ai 400 euro a treno che, sebbene possano essere costosi, ci assicurino un buon rapporto qualità prezzo.