Come viene gestito il rapporto tra guida e smartphone in un mondo strettamente connesso? La tecnologia è sempre più invadente nelle nostre vite e le leggi che regolamentano questo aspetto della nostra esistenza sono in continuo mutamento. Per garantire la sicurezza e l’incolumità di tutti vengono spesso introdotte nuove regole e altre vengono cambiate.
Oggi osserveremo da vicino come e quando si può utilizzare il cellulare mentre si è alla guida.
Innanzitutto è bene ricordare una cosa importante: il Codice della Strada prevede che, mentre si guida, non è consentito telefonare o mandare messaggi.
Risulta però necessario approfondire alcune situazioni.

Specifichiamo meglio

La legge vieta l’utilizzo del telefono quando il veicolo è in marcia. Questa è una regola importantissima e non importa che si voglia telefonare, mandare un messaggio o usare il navigatore: non si può fare e l’utilizzo può essere punito con sanzioni anche molto salate.
Inoltre è vietato anche l’utilizzo del cellulare quando si è in coda perché, secondo la legge Italiana, non c’è differenza che il veicolo sia in marcia o meno.
L’unico caso in cui è possibile utilizzare lo il telefono all’interno dell’abitacolo è quando la vettura risulta ancora parcheggiata.

Quando l’auto è in movimento non è mai possibile usare il telefono?

In realtà si può, ma solo in alcuni casi.
Innanzitutto con la funzione “vivavoce”. Poiché questa permette di chiamare ed eseguire diverse operazioni utilizzando solamente la propria voce e senza mai staccare le mani dal volante.
Inoltre, se c’è la necessità di fare una telefonata, si può anche optare per l’utilizzo delle cuffiette. C’è da precisare che non è consentito l’utilizzo di entrambi gli auricolari, ma solo uno dei due per mantenere almeno un orecchio libero per i rumori della strada e del traffico circostante.

Molte auto, al giorno d’oggi prevedono una connessione al telefono tramite Bluetooth. Questo permette di utilizzarlo attraverso i già citati comandi vocali o una stretta interconnessione con i comandi della vettura. In ogni caso la connessione del telefono con la macchina deve avvenire prima della partenza oppure automaticamente, senza bisogno dell’intervento dell’utente.
Detto questo è importante precisare che il telefono, anche nei casi appena citati, non deve mai essere tenuto in mano, ma può essere messo in qualunque vano portaoggetti o anche sui sedili.

Sanzioni guida e smartphone

Ad oggi, la sanzione per questo tipo di contravvenzione è una multa che può spaziare dai 161 a 647 euro più la detrazione di 5 punti dalla patente.
Nel caso si riceva una multa lo stesso motivo entro due anni dalla prima contravvenzione è possibile ricevere anche una sanzione accessoria. Questa può arrivare anche alla sospensione della patente per un periodo da uno a tre mesi.
Un’ulteriore provvedimento è in questo periodo al vaglio della Commissione Trasporti della Camera che sta prendendo in considerazione la possibilità di inserire nel codice della strada una norma che preveda il ritiro immediato della patente per chiunque compia questo genere di reato.

Detto questo tenete sempre le mani sul volante, occhio al rapporto tra guida e smartphone e…
siate carichi!