Ecco per tutti voi le 10 curiosità sul mondo delle auto che non tutti conoscono.

1) Dal maschile al femminile

Agli inizi del secolo scorso si discusse a lungo se le “vetture a motore, spavento dei viandanti e concorrenti con le ferrovie”, dovessero chiamarsi “gli automobili” o “ le automobili”.
A risolvere questa questione prettamente linguistica fu Gabriele D’Annunzio!
Nel 1926 Giovanni Agnelli regalò all’intellettuale italiano una Fiat 509 cabriolet. La lettera di ringraziamento diventò celebre e fu da considerarsi la soluzione al problema letterario. D’Annunzio scrisse: “Mio caro Senatore, in questo momento ritorno dal mio campo di Desenzano, con la Sua macchina che mi sembra risolvere la questione del sesso già dibattuta. L’Automobile è femminile. Questa ha la grazia, la snellezza, la vivacità d’una seduttrice; ha, inoltre, una virtù ignota alle donne: la perfetta obbedienza. Ma, per contro, delle donne ha la disinvolta levità nel superare ogni scabrezza. Inclinata progreditur. Le sono riconoscentissimo di questo dono elegante e preciso. Ogni particolare è curato col più sicuro gusto, secondo la tradizione del vero artiere italiano Per consacrare l’accertamento del genere masc. o fem., ormai determinato dalla novissima macchina, Mastro Paragon Coppella, orafo del Vittoriale, osa offerire alla Sua figliuola e alla Sua nuora questi infallibili talismani.
Le stringo la mano.
Il Vittoriale.18 febbraio 1926.”.
Da quel momento l’automobile è femminile.

2) A quando risale la prima auto?

Progettato nel 1769, era azionato da un motore a vapore a due cilindri in linea di 325 mm di alesaggio e 387 mm di corsa, per una cilindrata totale di circa 64.000 cm³. Questo “mostro”, in grado di portare un carico di oltre 4 tonnellate, soprannominato “macchina azionata dal fuoco” procedette lentamente solo per una dozzina di minuti, raggiungendo una punta di velocità stimata inferiore ai 10 km/h.

3) Vietato sbattere le portiere

La Svizzera è da sempre sinonimo di precisione e rigore per gli automobilisti e questo lo si sa da tempo. Quello che invece non tutti sanno, e che potrebbe creare problemi ai turisti italiani in visita al Paese, è un curioso divieto attivo nei centri abitati: è vietato sbattere portiere o cofano della vettura, soprattutto nelle ore notturne.

4) Guidare fino alla luna è possibile?

Calcolando la distanza media tra la terra e la luna è stato calcolato che, con una velocità costante di 100 km/h e senza alcuna fermata, ci vogliono poco più di 5 mesi per arrivare sulla luna. Il sole è invece una meta più ostica che richiede circa 170 anni di viaggio senza fermate.

5) A quando risale la prima multa in assoluto?

La prima multa per eccesso di velocità è stata emessa il 28 gennaio del 1896. Walter Arnold, di East Peckham nel Regno Unito, venne sorpreso al volante del suo veicolo mentre sfrecciava a alla velocità di 13 km/h.

6) Cosa significa la parola automobile?

Nella lingua italiana il termine automobile deriva dal greco αὐτός (autòs) “stesso, di sé, da sé”, e dall’aggettivo latino mobĭlis, “mobile, che si muove”, pertanto con il significato “che si muove da sé”.

7) Il nome dell’azienda

L’azienda Motorola si chiama così perché il suo primo apparecchio è stata un’autoradio. L’azienda prende infatti io nome da Motor (per l’automobile) e Ola (per il suono).

8) Quanto si può guidare in riserva?

Molte automobili possono ancora fare 100 chilometri dopo l’accensione della spia della riserva di carburante.

9) Quanta benzina ci vuole per l’accensione?

Per far partire un’automobile servono circa 15 grammi di carburante.

10) Che nota suona il clacson?

Il clacson fa un suono simile alla nota Fa.

Conoscevate anche voi queste 10 curiosità sul mondo delle auto?
Un saluto a tutti e…
Siate carichi!