Il colpo di sonno alla guida è una delle principali cause di incidenti d’auto. Si pensi, infatti, che addormentarsi anche per soli pochi secondi a una velocità di 100 Km/h significa percorrere quasi 28 metri ad occhi chiusi!

Gli effetti della sonnolenza alla guida possono presentarsi in un calo delle prestazioni al volante paragonabile a quello che si ha in condizioni di ebbrezza, con una concentrazione di alcool nel sangue di 0,5 mg/dl, limite di legge in Italia e nella maggior parte dei paesi europei.

Le cause di un colpo di sonno in auto possono essere molteplici. Ovviamente, si parte da una eccessiva stanchezza prima di mettersi alla guida, ma non bisogna escludere stati di sonnolenza derivanti da pasti troppo abbondanti o assunzione di bevande alcoliche.

È possibile identificare l’arrivo imminente di un colpo di sonno tramite diversi segnali: sbadigliare frequentemente, accusare bruciore agli occhi, sentire le palpebre pesanti e sbatterle più volte, abbassare ripetutamente la testa. Ma quali sono i metodi più efficaci per riuscire a rimanere svegli durante un lungo viaggio?

Di seguito ecco alcuni consigli per evitare il colpo di sonno

  • Dormire a sufficienza prima del viaggio.
  • Fare un pisolino di circa 20/30 minuti ogni 4 ore. Non superare tale durata raccomandata dato che si potrebbe cadere nella fase di sonno profondo e accusare una stanchezza maggiore.
  • Evitare gli orari più problematici. Cercare di assecondare i propri ritmi biologici evitando di mettersi in viaggio tra le due/le cinque di mattina e l’una/le tre di pomeriggio.
  • Fare pause regolari. Sgranchirsi le gambe, prendere una boccata d’aria e fare un po’ di stretching aiutano a tenere sveglio il nostro organismo.
  • Seguire una corretta alimentazione. Evitare cibi pesanti e bevande alcoliche prima di mettersi in viaggio.
  • Sfruttare dei diversivi. Ascoltare un audiolibro avvincente o fare conversazione con altri passeggeri possono essere ottimi modi per rimanere concentrati alla guida.
  • Evitare di assumere determinati farmaci. Tra gli effetti collaterali di molti farmaci quali psicofarmaci o ansiolitici si trova spesso anche la sonnolenza.

Qualche consiglio per rimanere svegli per un breve limite di tempo

  • Mangiare dolci: danno una carica di energia momentanea ma la stanchezza torna presto.
  • Bere energy drink e caffè: anche in questo caso vi è una spinta di caffeina temporanea a cui fa seguito il ritorno della sonnolenza.
  • Masticare una gomma: la masticazione stimola, infatti, l’irrorazione del cervello e riduce, senza eliminarli, i sintomi della mancanza di sonno.
  • Ascoltare musica ad alto volume: può tenere svegli per un po’ ma attenzione a non distrarsi!

In generale, è bene ricordarsi che mettersi alla guida è una responsabilità che si ha verso se stessi e gli altri e che la massima prudenza è sempre necessaria. Meglio arrivare a destinazione un po’ in ritardo ma in totale sicurezza!